Troppi zuccheri e grassi fanno male alla gravidanza

L’alimentazione precedente e nel corso della gravidanza influisce sulla salute della mamma e del bambino. Lo conferma uno studio pubblicato sul Journal of Physiology.

zuccheri e grassi fanno male alla gravidanzaLa ricerca è stata condotta da Amanda Sferruzzi-Perri dell’università di Cambridge che ha analizzato il ruolo della dieta su delle topoline incinte per capire quali sono i meccanismi cellulari alla base dei danni.

Durante questi esperimenti è stato osservato che le topoline a cui veniva somministrato un tipo di alimentazione ricco di grassi e zuccheri avevano forti squilibri metabolici.

Presentavano infatti difficoltà nella regolazione dei livelli di glucosio. L’espressione di proteine in grado di gestire l’accumulo di grasso risultava per di più compromessa, con conseguente aumento di peso della mamma.

I risultati indicano quindi che un’alimentazione ricca di grassi e zuccheri facilita l’insorgenza del diabete gestazionale, una forma di diabete da cui risulta colpito circa il 5 per cento delle donne in gravidanza e che compromette la salute di mamma e bambino.

Sono state anche osservate delle alterazioni nelle proteine associate al trasporto di sostanze nutritive al feto e in quelle correlate alla sua crescita e al corretto metabolismo.

“In una gestazione normale il corpo materno si modifica per mettere a disposizione del feto alcuni nutrienti, in primis il glucosio: il metabolismo della mamma tende verso l’insulino-resistenza e la scarsa tolleranza al glucosio perché così limita il proprio utilizzo di questo zucchero lasciandolo a disposizione del feto”, spiega Sferruzzi-Perri.

“Se la dieta eccede in grassi e zuccheri, questi meccanismi vengono portati all’esagerazione e possono alterare la probabilità di malattie successive al parto: esiste infatti una “memoria metabolica” di quanto accaduto in gravidanza che accresce la probabilità di diabete di tipo 2, obesità e malattie cardiovascolari”.

Le disfunzioni metaboliche della madre compromettono anche il flusso di nutrienti diretti verso il feto, il quale a sua volta non ha la capacità di usufruirne in maniera corretta a causa degli squilibri metabolici materni. Questi bambini sono più predisposti a sviluppare malattie.

“Non sappiamo ancora tracciare le precise conseguenze, ma le ricerche sembrano suggerire che i figli di madri con squilibri metabolici in gravidanza dovuti alla dieta scorretta siano più sottoposti a sviluppare essi stessi diabete, ipertensione e obesità da adulti”, dice Sferruzzi-Perri.

“Le alterazioni nell’apporto di nutrienti e ossigeno patite in utero, in una fase critica dello sviluppo di tutti gli organi, possono infatti provocare alterazioni permanenti nella struttura e nella funzione di alcuni tessuti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*