Secondi piatti light: un toccasana per la nostra dieta

Seguire la dieta con i piatti lightPer dimagrire, oltre ad una sana attività fisica, è necessario anche scegliere cibi sani, leggeri e ipocalorici. Oggi ci concentriamo sui secondi piatti: spesso carne e pesce, timballi e altro sono la prima causa di accumulo di grasso: ma, cucinati in modo sano e non troppo abbondante, anche i secondi piatti possono trasformarsi in un’alternativa light.

Qualche idea sul pesce: possiamo cucinare del salmone bagnato in succo d’arancia, cosa che lo rende più leggero e digeribile, oltre che meno grasso. Due sogliole grandi, con contorno di verdure miste a piacere (patate, carote, zucchine, broccoli, piselli), non apportano più di 290-300 Kcal. Una scelta decisamente leggera, soprattutto se non ci si vuole appesantire troppo a cena.

Se amiamo la carne, una buona idea è quella di consumare carne bianca, come pollo e tacchino. Senza esagerare troppo con i contorni, un hamburger di pollo o degli involtini di tacchino con zucchine faranno una bella figura sulla vostra tavola, senza lasciare i commensali troppo pieni per il cibo ingurgitato.

Ancora, il pesce spada cotto al vapore con verdure è un’ottima alternativa a piatti pesanti e poco digeribili; le polpette, poi, vi permettono di lasciare briglia sciolta alla vostra fantasia. Polpette di zucca, di pollo, di tonno, c’è davvero solo l’imbarazzo della scelta.

Diamo ora qualche idea e spunto per i vegetariani, che quindi non consumano prodotti di origine animale, ma che si concedono i derivati come uova e formaggio. Restando sulle polpette, si possono cucinare delle saporitissime polpette di melanzane al forno, ma anche di lenticchie. Molto amate dai vegetariani sono le scaloppine di seitan, infarinate e soffritte nell’olio caldo, volendo con un’aggiunta di salsa di soia.

Le ricette per i secondi piatti light che si possono realizzare sono davvero tantissime, e permettono con poca spesa e poca fatica di portare in tavola dei piatti gustosi ma che non appesantiscono troppo i convitati. Abbiamo tutti qualche chiletto da eliminare: evitare i grassi non significa mangiare con meno gusto, anzi!

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *