Quantità cibo: cosa consigliano gli esperti

Quando si inizia una dieta, uno degli stress più diffusi a cui si è spesso sottoposti è proprio quello di dover pesare ogni singola porzione degli alimenti che si consumeranno. Questo comportamento – necessario per chi deve seguire un regime alimentare perché attraverso il calcolo dei grammi si può evitare di assumere quantità eccessive di cibo, seppur dietetico – può essere in qualche modo ridimensionato se non stiamo seguendo un regime alimentare specifico.

Quantità ciboLa quantità cibo è importante, sia durante un percorso dietetico, sia al di fuori dello stesso. Assumere troppe calorie o ingurgitare una porzione eccessiva di carne, pasta o pesce, è controproducente; allo stesso modo può essere controproducente contare i grammi di quella determinata porzione.

Quali sono allora gli aspetti da considerare? Secondo il metodo introdotto da Sian Porter, portavoce della British Dietetic Association, è opportuno ‘misurare’ le quantità degli alimenti utilizzano le proprie mani. In questo modo si eviterà di eccedere, e si avrà sempre a portata di ‘mano’ uno strumento utile per evitare di mangiare troppo.

Qualche esempio? Una porzione di carne o di pesce dovrebbe essere non più grande del palmo della mano; una fetta di torta non dovrebbe superare la quantità di due dita; per l’insalata, invece, le mani giunte ed aperte a coppetta sono una porzione sufficiente.

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *