In forma con la papaya fermentata: ecco la scoperta del Nobel Montagnier

papaya fermentataSappiamo bene gli effetti benefici della papaya. Eppure, il premio Nobel 2008 Luc Montagnier ha scoperto qualcosa in più: la papaya fermentata è un vero e proprio elisir di lunga vita da assumere quotidianamente. Vediamo insieme il perchè: la prima volta che lo ha utilizzato è stato davanti a Papa Giovanni II, in occasione di una visita ufficiale nel 2002. Montagnier sapeva bene che le bustine di papaya fermentata potevano giovare al morbo di Parkinson del Santo Padre, e con grande piacere dopo alcuni giorni lo vide più energico e lucido.

Si tratta di una pianta del Messico caratterizzata dalla presenza di potenti antiossidanti al suo interno. Questi sconfiggono, o eliminano del tutto, i radicali liberi che si formano nell’organismo. Ovviamente, in commercio troviamo numerosi tipi, e  forme, di integratori, ma prima di utilizzarli è sempre bene chiedere il parere di un medico.

Secondo Montagnier, la papaya fermentata è assimilabile in modo migliore rispetto agli integratori in pillole o al frutto stesso. Al suo interno possiamo trovare vitamina E, C, A, vitamine del gruppo B, molti flavonoidi, e la papaina. Inoltre, la somministrazione della papaya produce effetti drenanti, antitrombotici, anti-infezioni intestinali, e anche antiinfiammatori. Insomma, un vero toccasana per il corpo.

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *