Dieta di mantenimento: troppo spesso messa in un angolo

Quando si fa riferimento alla dieta ed all’alimentazione, sempre più spesso si pensa che l’unica cosa importante sia perdere peso: è quanto dichiarano moltissime diete lampo, in cui si dà molta importanza alla perdita di peso veloce, senza tenere in considerazione le esigenze del corpo che si deve abituare piano piano ad un regime alimentare corretto (e associato ad una adeguata attività fisica) per non rischiare di ingrassare subito dopo.

Dieta di mantenimentoIl problema di molte persone è proprio questo: si pensa alla dieta iniziale ma non si segue una corretta dieta di mantenimento che possa in qualche modo consentire il mantenimento della forma fisica ottenuta con tanti sacrifici.

Gli esperti in nutrizione ed alimentazione consigliano sempre di non perdere mai più di un chilo alla settimana: una perdita di peso più veloce, infatti, potrebbe portare ad un più veloce recupero dei chili persi, non appena si ricomincia a mangiare.

Per questo motivo, è molto importante la dieta di mantenimento: questo tipo di alimentazione (che non è restrittiva come la dieta iniziale) serve per permettere di mantenere la forma fisica ottenuta con tanta fatica offrendo al corpo la possibilità di regolarizzarsi e di stabilizzare la sua nuova situazione. In questa fase non bisogna solo seguire la dieta di mantenimento (secondo quanto stabilito dal dietologo o dal nutrizionista presso il quale ci siamo rivolti), ma anche imparare alcune sane abitudini che possono incidere sulla corretta alimentazione. Evitare le tentazioni, fare molta attività fisica, bere molto ed esercitarsi sull’autocontrollo: questi comportamenti, alla lunga, diventeranno familiari e la dieta di mantenimento sarà l’alleata più importante non solo per la perdita di peso ma per il mantenimento costante della forma fisica ideale.

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *