Dieta anticancro: va personalizzata secondo oncologo David Kayat

Perché sia davvero efficace e funzionale, una dieta anticancro che si rispetti va personalizzata. È quanto emerge dalle recenti dichiarazioni di un famoso oncologo di fama internazionale, Dabid Khayat, il quale, in un recente congresso sull’alimentazione, ha reso pubblico il suo ultimo libro sui cibi antitumore.

dieta-anticancroSecondo il noto oncologo, non è possibile dare a tutti una stessa tipologia di dieta antitumore: pertant, per evitare che l’insorgenza di tumori abbia luogo, è bene che alcuni cibi vengano eliminati dalla propria lista alimentare o comunque allontanati, mentre altri alimenti andrebbero consumati più spesso. Ma questa regola, che in linea generale è valida, non è ugualmente valida per tutti allo stesso modo: infatti, secondo quanto dichiarato dal noto oncologo nel corso del recente Salone Internazionale dell’Alimentazione (Sial) di Parigi non è possibile conferire a tutti la stessa dieta, semplicemente perché non esiste una dieta universale contro i tumori.

Nella configurazione di un’adeguata dieta anticancro, invece, ci dovrebbero essere vari fattori tenuti in elevata considerazione, come ad esempio sesso, età ed abitudini. Qualche esempio? Secondo l’oncologo, una vitamina come la vitamina E è importante per le donne, ma aumenta il rischio di cancro alla prostata nel 30% degli uomini. Se assunta, invece, da un fumatore, la vitamina A ricopre un ruolo importantissimo nell’incremento del rischio di tumore al polmone.

Nel suo libro Vera dieta anticancro, il medico spiega, quindi, quali sono gli alimenti più importanti e il loro ruolo.

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *