Dieta anti-infiammatoria, cos’è e perché farla

Nella costellazione delle diete e dei regimi alimentari provenienti da ogni parte del mondo, si parla oggi di una particolare dieta che dovrebbe avere, secondo i suoi sostenitori, delle ottime caratteristiche benefiche per chi la segue: la dieta anti-infiammatoria – questo il nome del regime alimentare – si basa sulla consapevolezza che, alcuni alimenti, siano in grado di annullare l’infiammazione dell’organismo spesso provocata dai cosiddetti cibi ‘non naturali’.

Dieta anti-infiammatoriaLa nutrizionista Karen Lamphere, che ha messo a punto questa dieta, infatti, sostiene che alcuni cibi, come i fritti, i latticini, i carboidrati complessi ed in generale tutti gli alimenti non naturali, siano in grado non solo di far ingrassare, ma anche di avere effetti negativi sull’organismo.

Secondo questa dieta, infatti, vi sono in particolare alcuni alimenti che eliminano l’infiammazione dell’organismo, ed altri cibi che, al contrario, contribuiscono a creare questa infiammazione e si dicono pertanto tossici: gli alimenti positivi sono frutta, verdura, ed anche alcuni tipi di proteine, tutti quei cibi naturali che hanno lo scopo di ripulire l’organismo e di disintossicarlo. Gli alimenti negativi, invece, sono tutti i cibi fritti per lo più con olio di mais, girasole, arachidi e soia; i latticini (latte e formaggi); e i cibi raffinati contenenti carboidrati e farine non grezze.

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *