Alimentazione e detersivi: l’importanza di pulire le pentole nel modo giusto

Pulire le pentole nel modo corretto è davvero importante per tenere le proprie stoviglie nel migliore del modi e per farle durare nel tempo. Seguendo alcuni piccoli accorgimenti possiamo non solo allungare la vita delle nostre pentole ma tenere al sicuro la nostra salute.

Per prima cosa, dopo aver cucinato, togliere tutti i residui di cibo dai piatti e dalle pentole prima di metterli ammollo a meno che non siano attaccati. In questo caso versare dell’acqua calda e far sciogliere il cibo incrostato.

Lavare i piatti nel lavello pieno di acqua calda e detersivo per far si si lavino meglio. Lavare prima le cose meno sporche per poi arrivare a quelle più unte e incrostate. Andrebbero lavati prima i bicchieri, poi le scodelle di plastica, i piatti, le posate e infine le pentole più grandi e più sporche.

Se in una pentola si sono cucinati latticini e amidi, è meglio lavarla sotto acqua fredda in quanto quella calda li rende più difficili da staccare.

E’ consigliato lavare i bicchieri con dell’aceto e asciugarli immediatamente per evitare aloni. Le stoviglie nelle quali sono presenti residui di uova e pesce, andrebbero lavati a parte con del limone.

La cosa più importante da tenere sempre a mente è quella di utilizzare un detersivo che non aggredisca le pentole e le lasci sempre come nuove dopo il lavaggio. Quando si utilizzano prodotti di marche garantite, si ha la certezza di proteggere le proprie stoviglie per garantire loro una durata nel tempo senza rovinarle o rigarle e quindi evitando la fuoriuscita di materiali di rivestimento o residui indesideriderati che potrebbero finire insieme alle nostre pietanze.

I detersivi per stoviglie di qualità sono sempre distinti nella loro formulazione tra detersivi per il lavaggio a mano, per lavastoviglie e additivi  (esempi dal sito CasaHenkel.it). In base al loro uso, infatti, le formulazioni chimiche del detersivo cambiano per garantire il miglior risultato e l’assenza di residui.

Inoltre, non bisogna dimenticare di pulire e lavare bene le spugnette in quanto, al loro interno, si annidano microbi e germi. Dopo averle lavate con il detersivo (non occorre l’antibatterico) si devono far asciugare bene e sostituirle ogni tanto.

Dopo aver lavato le stoviglie con il detersivo, basta risciacquarle sotto acqua corrente fredda e farle sgocciolare su un ripiano. Procedere poi ad asciugarle bene.

Per quanto riguarda le pentole, bisogna sapere che ogni materiale va pulito con cura per al fine di mantenerlo sempre brillante.

Le pentole di alluminio, per esempio, hanno bisogno di accurata pulizia. Bisogna lavarle ogni volta con acqua e sapone utilizzando una spugnetta delicata evitando quelle abrasive. Quando si fa bollire l’acqua, aggiungere qualche goccia di limone per evitare che col tempo diventi nera. Per renderla ancora più lucida basta far bollire dentro la pentola, oltre al’acqua e limone, anche della cipolla, qualche buccia di mela e delle foglie di rabarbaro.

Per pulire in modo ottimale le pentole di rame, invece, possiamo utilizzare un composto fatto da un bicchiere di aceto e 4 cucchiai di farina gialla e usarlo per renderla lucida.

Infine, bisogna sempre cuocere a fuoco basso quando si utilizzano le pentole di acciaio inox per evitare che si anneriscano. In tal caso si può far bollire dell’acqua e sapone all’interno della pentola prima di lavarla oppure far agire a freddo acqua e aceto per qualche minuto.

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *